Winter is here!

Ieri sera negli Stati Uniti è stata trasmessa la prima puntata di un serial tv che delle persone intelligenti come voi non dovrebbero perdersi per nulla al mondo.

Si tratta di “Game Of Thrones” un telefilm che deriva dall’immensa (e incompiuta) opera letteraria conosciuta in Italia come”Le cronache del Ghiaccio e del Fuoco”.


Vi ho ammorbato l’esistenza abbastanza descrivendovi minuziosamente (ma senza spoiler quindi leggete pure) la saga letteraria qui e quella televisiva qui  .

Adesso tutto quello che dovete fare è procurarvi la puntata che è stata trasmessa ieri sera negli States. Mettete in moto i cugini americani, fatevela portare a dorso di mulo o da un torrente cristallino.

Non importa.

Godetevela, voi che non sapete, a differenza mia, quello che succederà 🙂

E non dimenticate.

Winter is coming.

Annunci

Game Of Thrones

Ne ho parlato dettagliatamente qui.

Ma adesso che vedo i frutti della mia fantasia farsi di carne ed ossa, adesso che i personaggi stanno diventando persone reali, adesso che il 17 Aprile si avvicina, non posso che emozionarmi tantissimo e sperare che il prossimo volume della saga esca quanto prima.

(Ovviamente e come tutti i sostenitori delle Cronache sparsi per il mondo, ogni notte prima di addormentarmi prego l’eterna salute del loro inventore. George mangia sano, fai sport e rilassati. Non ci mollare eh. Non così).

E adesso tutti zitti. Sognate.

Una canzone di ghiaccio e di fuoco

NON CONTIENE SPOILER SULLA TRAMA.

Immaginate un Regno. Anzi no.

Immaginatene Sette.

Immaginate un territorio sconfinato che si  estende per centinaia di migliaia di chilometri dalla grande  Barriera ghiacciata, confine estremo del mondo conosciuto, attraversando i boschi innevati e le gelide terre del Nord  in un percorso  costellato da  fitte  foreste, alberi diga, sentinella e del cuore, fiumi tumultuosi e castelli da fiaba, fino alle dorate spiagge di Dorne , in un Sud infuocato e languido, circondato da un mare scuro e misteriososo che lambisce territori fantastici e selvaggi, abitati da popoli fieri e ancestrali.

Immaginate estati lunghi intere generazioni, autunni dorati che durano anni, trascorsi ad accumulare provviste in vista di infiniti inverni rigidi, che gelano anche il respiro.

Immaginate Case Nobili e gloriose, che si fregiano di stemmi variegati e  di motti ad effetto,  popolate da uomini d’onore e di spada ma anche da bastardi, assassini, traditori e spie. E immaginate congreghe di mercenari e Confraternite di Cavalieri e mantelli neri e cappe bianche e cappe dorate. E una cucciolata di metalupi trovati da sei fratelli, nella neve d’estate a Grande Inverno. Ricordatevi soprattutto di loro.

Immaginate una guerra sanguinaria combattuta per un Trono di Spade che versa il sangue di coloro che non lo meritano e la violenza dei tempi, gli stupri, i saccheggi,  la fame, le battaglie gli intrighi, i tradimenti, le alleanze, le pugnalate alle spalle metaforiche e non. E gli amori occulti, quelli doverosi, quelli puri, quelli impossibili, quelli dolorosi e quelli incestuosi.

Mescolate questi elementi ed otterrete una storia avvincente, un’avventura entusiasmante un thriller mozzafiato che si dipana in 9 libri (il prossimo è atteso per il Settembre 2010) incapaci di annoiare ed in grado di lasciare il lettore con il fiato sospeso dalla prima all’ultima pagina. Personaggi perfettamente delineati, dialoghi densi , atmosfere degne del meraviglioso Follett dell’eccelso “I Pilastri della Terra” e una minuzia descrittiva che ricorda il miglior King ( e che gli amanti del Re, dei quali faccio parte dall’infanzia, non potranno fare a meno di amare) rendono questa opera una imperdibile perchè capace di farsi amare anche da quelli che, come me, odiano visceralmente il fantasy.

Perché (e questo forse deluderà gli amanti de “Il signore degli Anelli”) di fantasy c’è solo l’ambientazione che è comunque meravigliosa: i manieri incredibili (vi innamorerete dell’inespugnabilità di Nido dell’Aquila, dell’austerità di Grande Inverno, del languore di  Delta delle Acque, della maledizione di Harrental e del fasto della Fortezza Rossa) gli animali immaginari, i popoli misteriosi e i riti magici non disturbano affatto. Rimangono  semplicemente sullo sfondo, al mero servizio di personaggi numerosi e maestosi, descritti nei minimi dettagli e con la meravigliosa capacità di incantare il lettore. Di ingannarlo.

Amerete chi odiavate, proverete compassione per quelli che credevate i nemici e piangerete per le perdite. Che saranno numerose. Perchè Le Cronache, sono spietate. Sono crudeli. Raccontano una storia dolorosa. E non risparmiano nessuno, nemmeno coloro che credevate al sicuro. Perchè i morti nei Sette Regni restano tali.

A meno che non vadano a fare una passeggiata oltre la Barriera.

(Ehi, inizia anche il telefilm. Leggete qui.)

Cose sparse #2

Stanotte ho scoperto un album fantastico 🙂

Loro sono i Music Go Music l’album si intitola “Expressions” e la cantante è una dea. Voce angelica e raffinatezza a pacchi. Comprate il disco, fatevelo portare dal torrente o a dorso di mulo, come preferite, insomma in qualche minchia modo ascoltatelo perchè davvero merita.

Devo ancora eleggere la mia canzone preferita ma l’ho ascoltato solo due volte e per ora mi piacciono tutte 🙂

Ah! Ieri ho finito la quarta stagione di How I Met Your Mother ed ho iniziato la quinta.

Ho dunque ufficialmente superato il più grande sponsor di questa serie che essendo un ragazzo paziente, riesce a far cumulare stagioni intere e a spararsele in un paio di giorni 🙂

L’allieva ha superato il maestro a suon di notti in bianco ma ne è valsa la pena. Se non lo avete ancora fatto, mettetelo tra le comedy da recuperare.

Oggi, infine, comprerò “I Fiumi della Guerra” sesto libro de “Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco” di George Raymond Richard Martin.

Più volte ho accennato alla bellezza di questa opera. Adesso è giunta l’ora di scriverci su un articolo serio per invogliare alla lettura anche coloro che odiano il fantasy. Perchè questa meraviglia viene spacciata per un’opera fantasy quando in realtà è completamente un’altra cosa.

Ne sono l’esempio vivente visto che odio il fantasy e amo questa saga più che mai.

Specialmente se siete amanti del Re la adorerete.

Comunque state tranquilli, il post serio non era questo. Quello arriverà a giorni.

Ok. Ho parlato delle tre cose che amo più al mondo. Musica, telefilm e libri.

Adesso non mi resta che lasciarvi una canzone e augurarvi una domenica pazzesca.

:*