Tempi moderni.

Oggi i cazzeggioni della rete (uhm) si saranno accorti che un argomento parecchio caldo è quello dei cosiddetti e – books, ovvero libri in formato elettronico che possono essere scaricati dalla rete e letti sullo schermo del proprio pc, mac, iphone etc etc.

Prezzi bassi, poco spazio occupato in casa (mia madre davanti ai miei libri che ormai sono poggiati nelle stanze per terra spacciati per pezzi di arredamento moderno ne gioirebbe) e titoli davvero introvabili li rendono un prodotto appetibile e intelligente.

Io però non credo che ne leggerò mai uno.

Ci proverò eh, perchè “Il ventre del lago” non lo trovo da anni da nessuna parte e voglio rileggerlo a tutti i costi. Ma non garantisco nulla.

Perchè per me il libro è sacro. E la sacralità del gesto della lettura nasce dalla scelta. Camminare per i corridoi della libreria e guardare tutti i libri esposti, lasciandosi ispirare dalla copertina o dalle poche righe scritte sul retro. Scegliere con cura l’edizione preferita (gira e rigira casco sempre su Einaudi). Portarlo a casa  e aprirlo a metà sentire l’odore delicato e inconfondibile della carta nuova, cercare la prima pagina e sotto al titolo e al nome dell’autore, scrivere nomecognomeindirizzo datagiornoora e infine il mio stato d’animo e cosa sto facendo in quel momento. Sprofondare sul divano con le gambe stese sulla spalliera un cuscino sulla pancia e il libro appoggiato sopra. Sottolineare i passi più belli, scrivere note a margine e rileggerle tra qualche anno e sorridere o ridere. O piangere.

Questo per me è leggere. E’ una delle cose che al mondo mi piace più fare.

Gli e – books sono fighi.

Io però, preferisco la poesia 🙂

Annunci

5 pensieri su “Tempi moderni.

  1. Argomento caldo? Ne parlo solo io (fatta eccezione poi per le discussioni nate poi da questo mio parlarne), e praticamente ci saranno due ebook reader in tutt’Italia, mi sembra presto per definirlo un argomento “caldo” 🙂

    Il problema di fondo è che secondo me in molti non hanno ben capito cosa vuol dire leggere un libro sul mac/pc/iphone e cosa vorrà dire invece leggerlo su un reader apposito.

    Nel primo caso vuol dire occhi rossi, fastidio, e probabile abbandono del libro.
    Nel secondo caso vuol dire un nuovo modo di leggere, una rivoluzione paragonabile all’invenzione degli mp3.

    Attualmente i reader costano un botto, ma son convinto che i prezzi crolleranno a breve!

  2. @lele ti pare che io abbia mai scritto una cosa priva di senso? (spinozate a parte)

    @max beh tu non sei su facebook (capito tizio disperato? LUI non è su facebook io ancora si quindi smettila di cercare su google OGNI SANTO GIORNO quello che cerchi!basta!) quindi non puoi sapere cosa sta succedendo di là.
    Ed oggi ne parlano tutti 😉

    Sul discorso dei reader beh. Quando crolleranno i prezzi ti saprò dire. Ma la carta per me rimane la carta.

  3. concordo con tatiana la bellezza di un libro risiede anche nel profumo di carta e inchiostro che ti accarezza mentre leggi 🙂

  4. Hi,

    Thank you for the great quality of your website, every time i come here, i’m amazed.

    I would like to suggest you to come and try the true black hattitude.
    you’ll find a lot of stuff dealing with the black hattitude,

    You can buy some black hattitude, rent black hattitude, steal black hattitude, or find
    the ultimate black hattitude on our site ofblack hattitude.

    have a nice day,

    Darren Heel

    black hattitude

    you’ll find here also some good black hattitude

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...