L’università degli Stronzi.

C’è gente che ha studiato lì e si è trovata davvero benissimo.

Tra gli studenti più brillanti e veloci nell’apprendimento della disciplina “Come rompere il cazzo a 5 poveretti alla frutta, con zero ore di sonno alle spalle e un bagaglio a mano di dimensioni rispettabilissime” il personale di terra della compagnia Ryanair dell’aereoporto di Trapani.

Due tizie che mi hanno guardata, poi hanno osservato il mio trolley che è passato OVUNQUE e hanno, infine, deciso che la tipa con la maglietta rosa e la faccia rincoglionita non poteva ASSOLUTAMENTE godersi la fantastica alba rosa che si intravedeva, magnifica, al di là della vetrata, ma doveva bestemmiare Vercingetorige la mattina presto.

Cosa avrei potuto fare io, 11 ore di sonno in 4 giorni, una puntura di zanzara sull’occhio destro e le spalle scottate, di fronte alla potenza spocchiosa di una pettoruta e labbrona moracciona inflessibile  e all’acidume insopportabile di un’anoressica chiaramente frigida e priva di uomo da almeno un paio di anni?

La risposta è solo una. NIENTE.

Ma anche no. Ho iniziato a sbraitare contro la prima dicendole che la mia macchina fotografica me la sarei tenuta al collo anche se avessero minacciato di tagliarmi la testa con una Katana creata da Hattori Hanzo in persona, mentre alla seconda ho ricordato, lasciando completamente a casa la classe, che il mio trolley pesa 10 Kg precisi e rispetta, dunque perfettamente i limiti di altezza, larghezza e profondità imposti da Ryanair e che quindi, se non entrava, perchè bitorzoluta, all’interno del suo stampino di sarcazzo a me non me ne poteva fregar di meno. E che comunque Ryanair non può impedirmi di viaggiare con una valigia fatta con la cazzo di forma che decido io, nel rispetto delle misure di cui sopra. (E la parola “cazzo” temo di non averla usata in maniera casuale)

Fila bloccata, caldo boia, aereo in partenza … ho pagato i pidocchiosi 30 euro previsti per caricare in mio trolley in stiva e ho già scritto la lettera di richiesta risarcimento danni che domani verrà spedita.

Per una pura questione di principio nei confronti di questi stronzi maledetti. Ovvio.

Pensavate che fosse finita qui? Macchè.

Oltre al danno la beffa, cornuta e mazziata!

Quando sono andata a ritirare la mia valigia al rullo n.3 dell’aereoporto di Ciampino, guardate un pò cosa ci trovo attaccato sopra?

Peste sulla Ryanair. SUBITO.

stronzi2

Annunci

4 pensieri su “L’università degli Stronzi.

  1. Forse si, ma vedi, dopo tutta la litigata ci è sembrata una presa per il culo (non appartengo ad una setta il ci siamo io e Chiara che vedendo la targhetta abbiamo iniziato a ridere)

  2. Il lupo perde il pelo ma non il vizio! 😀

    Due le cose insopportabile a Trapani:
    – sono i dipendenti della AirGest (società che gestisce l’aeroporto) a fare i controlli per conto di Ryanair e non Ryanair;
    – le regole valgono a spot (lo scorso 18 Agosto ci hanno caricato tutti strappando il foglio del check-in online mentre eravamo in coda, senza controllare alcun documento e facendo passare valige e cassate di tutte le dimensioni)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...